REPORT SALSOBROMOIODICO

Detto fatto alle  8:30/9:15  in punto di domenica mattina undici professionisti serii (Rombolo si è unito in seguito)si sono trovati, fronte Dechatlon,per la partenza della prima gita ufficiale organizzata dalle Pipe

La temperatura fresca stimolava la minzione e non solo,quindi il gruppo fortemente stimolato partì alla volta di Salsomaggiore…e un filmeeee..

La partenza non ha dato particolari problemi, anzi c’era gente molto entusiasta che non vedeva l’ora di fare un tuffo in piscina bevendo litrate di magica acqua,ma la strada era ancora lunga e le nebbie che ci hanno avvolto poco dopo via Mecenate non ci hanno mollato fino a Piacenza.Al 34°km decidiamo di fare una tappa a Pieve Fissi-RAga,e siccome la giornata era tersa e il clima secco, decidiamo di snobbare il calduccio di un bar a favore di uno svincolo in aperta campagna, per poi scoprire che nessuno voleva farmarsi!Ma quando ci sono di mezzo le pipe è un pò come una scatola di cioccolatini..o meglio una roulette russa!

Comunque c’è chi ha utilizzato la sosta per disidratarsi e chi per riflettere sulla strategia da adottare prima del bagno nelle terme, ma c’era anche chi rimaneva scettico sull’uscita pipesca.

Difatti da lì a poco si sarebbe avverata la profezia: persi nelle nebbie, con visibilità 15 metri la scia di biciclette si interrompe ed alcuni cadono.

Come al solito quando organizzano le Pipe parte una discussione per trovare qualcuno da mettere alla gogna, ma come al solito la gogna per fortuna resta vuota. Ci sono attimi di panico perchè il Pella abituato a trasferte più impegnative viene coinvolto nella caduta e resta a terra dolorante.Frank si preoccupa e anche gli altri, nel vedere un viso trasfigurato dal dolore (scusate non ci sono immagini al momento disponibili),dolore  che in seguito scopriamo essere causato da un “MERENDINO” posizionato nella tasca posteriore della maglia che nella caduta ha urtato il  fianco del valoroso Pella…ma vaccagare và! Quando Rocco “El Brilante”, fedele compagno del Pella, scopre in anteprima la storia del merendino, rimane incredulo! MA a parte qualche giacchetta da buttare nessuno si è fatto male.Lo spauracchio che Bozo ha messo sulla bici funziona!

Voci di corridoio dicono che in realtà la caduta è stata causata da un oggetto dimenticato sul ciglio della strada. Non ci è stato possibile verificare l’accaduto.

Poco dopo facciamo una seconda tappa,quasta volta voluta da tutti,per bere qualcosa di caldo e riscaldarci un poco e con piacere noto che c’è ancora entusiasmo! Il pensiero di un bagno rigenerante a fine tappa ci mette tutti di buon umore…a parte qualcuno che si accorge di avere la bici sporca e vorrebbe dargli una pulitina, ma purtroppo essendo finito il sapone decide di continuare con la bici sozza.

Ripartiamo di slancio e a parte qualcuno che finisce sopra una macchina senza gravi conseguenze non succede nulla di strano, a parte una frammentazione del gruppo.Ma nei pressi di Piacenza scopriamo che causa crollo di un ponte,ne hanno costruito uno provvisorio che non è utilizzabile da pedoni e cicli…Insomma il primo gruppo capitanato dal reverendo biblicamente riesce a scavallare il primo posto di blocco , ma il  guardiano del secondo posto di blocco riesce ad acciuffare Il Pella( si sempre lui).Ci sono richieste di riscatto ma nessuno ha una lira da spendere per il povero Pella , allora partono le minacce di chiamare le forze dell’ordine e che voi non potete attraversare il ponte,e che io perdo il lavoro, ed io tengo famiglia,insomma dopo mezz’ora, per la maggia che aleggia sempre sopra le Pipe il tizio si prende bene e se ne esce con un “sapete cosa vi dico? andate tutti affanculo e passate e adesso chiamo il  mio collega e gli dico cha faccia passare anche gli altri”.

Gli altri di cui sopra sono nient’altro che gli inseguitori Frank,Stefano,Rido,Mucig,Rombolo ed un ritrovato Martino, i quali erano fermi al primo posto di blocco. Qui sono volate una serie di telefonate tra Frank e Rocks dove Rocks ha passato il secondo guardiano a Frank  e Frank h amesso in comunicazione il secondo con il primo guardiano, ma lui (il primo)non ne voleva sapere di farci passare nonostante Angelo(il secondo) ci aveva dato il lasciapassare…la storia è un pò incasinata lo sò, ma state attenti….

L’unica soluzione era tornare indietro, ma le pipe non tornano mai indietro, e l’idea di quel bel bagno caldo alle terme era troppo golosa, e poi gli altri sono passati…Insomma stà spuntando un leggero sole e il miracolo si concretizza in un furgone che stà arrivando per passare il ponte.

Forti dell’esperienza messicana veniamo caricati nel furgone con tanto di bici e guadagnamo l’altra sponda del pò! Questa volta l’abbiamo vista veramente brutta e le immagini dicono tutto!

Ringraziamo gli autisti del furgone e facciamo un’altra tappa per bere un caffè saporito e per stabilire se fermarci per pranzo oppure se arrivare diretti alle terme.

Qualcuno vorrebbe assaggiare la famosa cucina piacentina, altri vorrebbero proseguire e si và ai voti……quindi si prosegue! C’è comunque il tempo per fare i vanitosi fuori dal locale e lanciare sfide di “polpaccetto”..cheggrinda!

Quindi si prosegue  e dopo poco Frank viene staccato brutalmente e si ritrova solo nella via Emilia( cosa che succederà altre volte in quanto non opportunamente preparato)in preda a crampi ed allucinazioni, Martino decide di tornare indietro e prendere un treno per Milano mentre il gruppo prosegue verso Salsomaggiore.Ma il gruppo è clemente con chi non c’è la fà e li scorgo in lontananza tutti lì ,fermi sul lato sinistro della strada, su una curva sopra un ponte ( il punto più pericoloso della via Emilia forse), che mi aspettano sorridenti pronti a rincuorarmi per la mia scarsa prestazione…..ed invece col cazzo! Volevano solo una foto con il cartello stradale da mandare a non so chi! Benedico “non so chi” e fanculo al gruppo amico.Più che gruppo mi sembra un Branco!

Si riparte e vengo nuovamente preso da crampi quindi decido di stare sui dieci al chilometro giusto per non fermarmi, mentre gli altri viaggiano sulla media dei 32( mi sembra), ma ad un certo punto li ritrovo tutti fermi sulla destra di fronte ad un ristorante..ma come? non bisognava arrivare diretti a Salsomaggiore? Bozo mi dice che il cuoco ci fà da mangiare anche se la locanda stà per chiudere ed allora buttiamoci sul cibo, e mangiamo a sazietà coppa ,prosciutto,salame,pancetta, tortelli e pisarei e fasö, e vino e grappa e acqua e caffè…..ma il cuoco si era dimenticato di comunicare a Bozo il costo della manovra e quindi usciamo dal locale con un Bozo che inveisce contro la vecchia con la stampella proprietaria della locanda,la quale ci lascia con un ” A Milano avreste pagato di più”! W il Piacentino

Insomma l’epopea và avanti e l’idea delle terme alletta, abbiamo già fatto un centinaio di chilometri e manca ancora poco ma è tardi e nessuno vuole mollare ma il cibo ha placato la voglia di fare bene e adesso a nessuno frega più un cazzo di niente se non di fare un rutto ed un pisolo sul divano,quindi come ogni evento che si rispetti organizzato dalle Pipe,mandiamo in vacca le terme ed andiamo a Fidenza a prendere il treno!

Insomma mai una volta che facciamo quello che scriviamo sui comunicati ufficiali!

Siamo stravolti e pensierosi, forse un pò sconfitti dentro per non aver portato a termine la famosa tappa del giro,anche gli UBM sembrano rassegnati ma quando tutto sembra perduto,come per miracolo alla stazione troviamo un riscatto morale , troviamo le tracce delle terme, dell’acqua salsofotonica e tutto il resto… e capiamo che noi in realtà siamo proprio sotto le terme di Salsomaggiore!

Ringraziamo tutti, ma proprio tutti , chi ha partecipato all’evento, chi non, i guidatori di Furgoni,il duo Pella + El Brilante che sono realmente arrivati a Salsomaggiore e che per questo sono bannati da tutte le future attività delle Pipe,ringraziamo i ristoratori del piacentino,la Via Emilia,la nebbia ed i ponti provvisorii,le cadute senza rimorsi e i ritrovamenti,ringraziamo il santi protettori e la borsa da manubrio di Bozo,ringraziamo Pedale&Forchetta e ….. ringraziamo Mucig che in chiusura sembra quasi ricordarci che anche Salsomaggiore in fondo in fondo…è  un FILMEEEEE

PS: Frank ha dimostrato per l’ennesima volta che non conta un cazzo e per questo dovrà sottostare a vita alla legge dei terzi!!

PPS: qui trovate altre foto.

26 Responses to “REPORT SALSOBROMOIODICO”

  1. HO LE LACRIME DAL RIDERE FRANK BASTAAAA AHAHAHH

    rocks x pipegang FOREVER!

  2. mi fate scassare

  3. beh frenk ti sei riscattato con questo super report…sei mondiale!

  4. Angelo (Pedale.Forchetta) Says:

    Bellissimo!

  5. report da urlo, posso solo aggiungere il mio personale tributo ad attilio pavesi

    bella tutta

  6. Frank vogliamo il BIS!

  7. Adesso non vedo l’ora della prossima! tenetevi pronti mi raccomando che la stagione è appena cominciata!

  8. VIVA LE PIPE!!! EEEEEE!

  9. Pipegang siete i migliori cazzo

  10. Siete diventati i miei idoli!!!!! GRANDI

  11. Troppo bello

  12. Grande Marco! ma sei stato anche al velodromo oltre che a Salsomaggiore? Mitico Lampre!

  13. resoconto di tutto rispetto
    bellaliiiiii
    alla prossima e con il fisso

  14. beppe bigazzi Says:

    mah, con quella panza lampre…dotto avrà ripreso il treno per milano

    qualcuno va alla prima d’inverno a samarate il 28/2?

    http://audaxitalia.com/brevetti/see_ride.php?event=32&c=328

  15. ahahah ottimo report!

    a nome anche del Pella chiediamo ufficialmente scusa alle Pipe per essere arrivati veramente a salsomaggiore nella Milano-Salsomaggiore..

    Non ricapiterà promesso

  16. grandissimi !!!

  17. […] il report, le foto del frank, quelle di pedaleforchetta ed altre sul picasa delle […]

  18. Report da grande firma del giornalismo a due ruote!!!!
    Viva le Pipe!

  19. grandissimi!!

    un plauso anche alla manovra messicana che mi ha fatto piangere dal ridere..respect

  20. grrrrrrrrrrrrrrr……ora per allenarmi farò su e giù fra milano e pavia fino allo sfinimento.davvero infami ad essere tanto in forma il 16/1…grandi pipe

  21. Dai Martino come dice Menthos bisogna accettare questi momenti senza farsi prendere dallo sconforto e superarli! Dai che la prossima volta andrà meglio! Beh, siamo contenti di avere avuto tue notizie però eh.. non avendo il tuo numero non sapevo come rintracciarti e ormai ti avevamo dato per disperso nella pianura piacentina a vagare disorientato. Ti dico solo, e non faccio nomi, che qualcuno aveva già preparato una bella messa in suffragio per commemorarti😉

  22. avevo usato le ultime energie per dire a frank-credo-che tornavo a casa.oltretutto alla stazione mi sono addormentato abbracciato alla bici…vado a cricetare sul naviglio…

  23. Vai Martino, non mollare il colpo!

  24. Grandissime pipe.
    Purtroppo ero chino sulla produzione e non ce l’ho fatta. Massima stima ed un po’ di magone per non essere venuto.

  25. io non volevo commentare ma………è un fillllmeeeeeeee

  26. […] REPORT SALSOBROMOIODICO January 201025 comments 4 […]

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: