Archive for July, 2009

DO YOU WANNA RIDE?

Posted in Uncategorized on July 30, 2009 by pipegang

6106_540

“THE PROBLEMATIC MIXTAPE II” – VIDEO PREVIEW

Posted in Uncategorized on July 29, 2009 by pipegang

Check this out.

Immagine 20

RIDE A BIKE. JUST RIDE.

Posted in Uncategorized on July 27, 2009 by pipegang

Immagine 6

PHOTOS FROM BLINBLIN BIKE CONTEST

Posted in Uncategorized on July 24, 2009 by pipegang

Che posso dire? Ci dovevi essere!

IMG_6787

IMG_6905

IMG_6881

IMG_6818

Qui trovate le altre foto. Grazie a http://www.davidebernardi.it/

MILANO-VENEZIA COL FISSO: UNA CORSA PER POCHI.

Posted in Uncategorized on July 20, 2009 by pipegang

Sabato 18 Giugno 2009. La grandine della notte ha mietuto vittime: da tanti siamo in pochi, 15. Ci guardiamo in faccia, il reverendo – passato a sacerdote Menthos – distribuisce le spoke-cards e si parte3738808235_5804dbbaff_b3739638868_c6283979f9_bLe pipe Ortu, Rocks e Cook ci sono. Ci aspettano 310 Km di solo asfalto, sudore e agonia. Prima tappa da 57 Km, Menthos fissa il limite minimo: 40 all’ora.

3739256821_a3e70c503c_bArriviamo a Soncino e in tutta tranquillità divoriamo torte, brioches, caffé e Redbull for breakfast.

Nella seconda tappa si fanno i primi punti per la maglia a pois: GP del cavalcavia. Si riparte tutti affiatati e a ranghi compatti e ci dirigiamo verso Montichiari, dove decidiamo di andare in pellegrinaggio al velodromo che sarà (in teoria n.d.r) il nuovo tempio della “pista” italiana; ma facciamo la fine dei giapponesi che al lunedì pomeriggio vanno a vedere lo stadio di San Siro, e infatti è chiuso. 3739740126_97f5ab6aa8Più che un impianto sportivo sembra una cattedrale nel deserto.

Il vento sta cambiando, alle nostre spalle grandi e gonfie nuvole si addensano: dobbiamo essere più veloci e scappiamo verso Peschiera, e infatti non ci bagniamo.

Nel gruppo di testa cominciano a fiorire le prime alleanze e si provano le strategie per il giorno seguente. Dietro cercano di sopravvivere.

L’unica ruota libera torna a Milano in treno e diventa chiaro che il gioco è solo per bici a scatto fisso.

3739643746_03570553a3_bArriviamo a Peschiera con 135 Km nelle gambe, lì ci aspettano tre uomini di qualità: Minimoto, Yoga e Alberto Novello (conosciuto ai più come Lanerossi). 3739018251_167f129591_b3739080513_7a663cce8fPizza 20 euro e tutti sotto le coperte. Il giorno seguente ci aspettano 175 Km per colazione..burp.

3739771232_9727b1ab35

Puntuali alle 7 giù alle bici, che la signora dell’hotel ci ha fatto parcheggiare nella lavanderia. Il peso delle gambe si fa sentire e c’è rivalità dichiarata tra Alberto Novello e il cuoco.

Riportiamo stralci di dialoghi.

Cuoco: “Ciao piacere, Andrea”,

Alberto Novello: “ma..Andrea come?”

Cuoco: “Cuoco”.

Alberto Novello: “ahhh.. ho sentito parlare di te..”

Cuoco: ” ma bene o male?”

Alberto Novello: “Mah…insomma…”

I due si salutano dopo un’allegra salitina e si danno appuntamento al pomeriggio. Dopo circa 40 km la sella di Alberto Novello gli è fatale: è costretto al ritiro e rientra a casa in treno. Appuntamento rimandato. Nel frattempo Minimoto, dopo aver fatto la sua eroica impresa con una bici a ruote di 12 cm in poliuretano deve lasciarci, così come la sua ruota ha fatto nei pressi di Vicenza. Yoga lo segue. Il caldo sale, l’acido lattico si accumula nelle gambe e avanti Menthos, Ortu e Rocks fanno squadra ad assetto variabile e bruciano letteralmente quelli dietro. 3739703900_10ee00e0e2Arriviamo finalmente a Vicenza; piccolo spuntino e si riparte verso Padova: lì ci aspettano Tonii e Luisa con tè freddo sul ponte di ferro blu.3738891149_20fb244bb0 L’ultimo tratto è stato davvero infernale e la giusta ricompensa è un abbondante pranzo nella migliore osteria di Padova che ci lascia con le gambe sotto al tavolo fino alle 3 a colpi di tortellini e tagliatelle al ragù, baccalà alla vicentina (ma siamo a Padova) e polenta bianca. Nel frattempo Valentino Rossi vince e Stoner va a prendere appuntamento dallo psicanalista.

3739208043_303be624ed_bNon ci crediamo ma siamo all’ultima tappa e siamo scortati da Marco (fissato locale) fuori della città, così per questa edizione si è evitato di finire in autostrada. Fino a questo momento le Pipe non hanno mai abbandonato la testa del gruppo guidata da menthos che ha la gambetta da 6 milioni di dollari e quando parte fa paura.

Ortu però decide di cambiare strategia proprio nell’ultima tappa e suggerisce la strategia vincente per arrivare primi a Venezia: “Eh Rocco, Cook..lasciamo partite Menthos e lo curiamo da lontano..poi quando scoppia l’attacchiamo”. Tutti d’accordo tranne Rocks che non è poi così convinto ed è fermo nella sua opinione: mai lasciare la ruota. Menthos parte, Rocks parte, Ortu grida a Rocks di tornare e Rocks rallenta e torna. Menthos scompare. Ortu sei ancora convinto? Sì.

Quella sarà l’ultima volta che lo abbiamo visto.

3740171132_bbf0655c8d
3740117704_0727d2f29c3739365197_db60ba7459_b..ma ci siamo voluti bene, abbiamo sputato sangue e consolidato l’amicizia. È solo questo che conta. Grazie Menthos! MOLLA BUNI!

—————————————————

–tutte le foto sono di BEN.. qui il set

TALES FROM 42RIDE

Posted in Uncategorized on July 20, 2009 by pipegang

IMG_1046

Finally some spare time to write something! J
We are already half way through Mississippi, in one of the best motels we have been so far, and I’m writing from my room that I share with Dan, Benito, and Nick. Well…Nick is actually never in the room, as he is always super super busy planning the route for us and all the rest.
The daily schedule is pretty tight: wake up at 5, put the bag on the van at 5:30, place your chamois butt’r, and go.
Every day we ride between 70 and 90 miles. I wish they would be kilometers!Then we have some day  off, and we ride for about 40 miles. Of course we have some century days and some times we just mess it up and we make a century day out of an 80 or 90 mile day.
On the ride we see a lot of animals—mainly dead ones. There’s any kind of: deer, raccoons, squirrels, snakes, turtles, and any kind of birds (cardinals are so pretty!). Lately we have seen some armadillos, too.IMG_1251We have” sweep” duties pretty randomly. Sweeping means “being the last ones,” and you usually do it in couples. It’s pretty boring if I have to be honest, especially because people may get off the route and you never know if you are still at the very end.
The past two days have been pretty intense because we have been riding about 95 miles per day and sleeping in camping under the rain.
Two days ago, the cue sheet was very confusing and almost everybody got lost. I personally did some 10 extra miles (let’s say it was a cue shit). But on the top of it we had an extra cue on the sheet (just like a ghost track on your favorite CD or a bonus level of Mario Bros) that was a 15 mile ride inside the park to get to the campground.
During the evening we heard rumors that the north crew had a massive sag day (just 7 riders out of 20 were actually riding), and that was the last element that the group needed to have a massive sag day, too.
I’ve been one of the 8 riders that have been riding anyway, and it has been a nice ride: 67 Fahrenheit. …  We are going to dream about those temperatures in Texas.
People in the group are great. I love them. There’s a little bit of everything. From 22-year-old girls to a over 70-year-old guy. People from every side of North America, and more. I really would like to paint a profile of any of them. … Some of them are pretty fast. Being fast is pretty useful if you wanna have some spare time. If you wanna have time to write this stuff, you’ll better ride as fast as you can.
We eat a lot. We eat all the time. And then we eat some more. We eat while riding, and we eat when we stop. I’ve been eating even under the shower, and I’m trying to figure out how to eat while I’m sleeping.

IMG_0929I eat a lot and I go number 2 a lot; you can’t imagine.
People are also paying the consequences of doing a couple of things at one time for the lack of time.
Brianne, for example, was dressing up while riding, and the sleeve of her jacket got caught in the back brake and she kissed the asphalt.
But the worst happened to Daniel. He is my same pace and we get along very well, so we were riding together pretty often and swimming in the lakes. But one time he was probably trying to sleep and ride at the same time and he touched my back wheel with his front wheel and went down. Broken collarbone.

IMG_1386Sigh! I’m missing him on the ride, even if he’s always following us with the van. Now he has just prepared two apple pies! Isn’t he the best?

Photo by christian thormann

BLINBLIN BIKE CONTEST

Posted in Uncategorized on July 18, 2009 by pipegang

Il primo contest italiano di biciclette BLING BLING in “pendant” con rider.
Ti aspettiamo con set fotografico, se tiri fuori la blingblingata del secolo, potresti essere il vincitore della sbronza mondiale. Na miss it.

blinblinbike_def